Passa al contenuto principale
PRATICHE ONLINE - moduli attivabili

Rilascio dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività di revisione ex art. 80 D.Lgs. 285/92
Codice procedimento
TR.04
A cosa serve
All'ottenimento dell'autorizzazione per l'effettuazione delle revisioni alle auto e/o moto.
A seguito della presentazione delle istanze da parte di Società o ditte individuali viene rilasciata l'autorizzazione che consente ad imprese di autoriparazione, che esercitano effettivamente tutte le attività previste dalla L. 122/92 e regolarmente iscritte alla CCIAA nelle categorie meccatronica, carrozzeria e gommista, di effettuare le revisioni di veicoli a motore capaci di contenere al massimo 16 persone compreso il conducente ovvero con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 t., nonché di motocicli e ciclomotori.
Per l'apertura di tali officine, i soggetti che presentano la domanda, devono aver soddisfatto i requisiti di legge relativi alla capacità professionale, finanziaria e morale, alla disponibilità di locali e attrezzature adeguate, verificate nel corso di un sopralluogo tecnico ad opera di funzionari del ministero dei trasporti.
Durante la loro attività le Officine di Revisione autorizzate possono presentare istanze di variazioni/aggiornamenti delle attività esistenti (nuovo Resp. Tecnico, estensione autorizzazione, trasferimento sede, ecc.) nonché di sospensione e revoca.
Per le attività già autorizzate il procedimento può riguardare la presentazione di istanze di variazione che possono intervenire nel corso di esercizio di una attività. In tal caso, le modifiche che non comportano la perdita temporanea dei requisiti di legge non determinano la sospensione dell'attività.
Chi può avanzare la richiesta
Imprese individuali o societarie che esercitano le attività previste dalla L. 122/92 e regolarmente iscritte alla CCIAA nelle categorie meccatronica, carrozzeria e gommista, in possesso dei richiesti requisiti tecnici, morali e di capacità finanziaria e professionale.
Leggi
Specifiche tecniche
I proponenti devono predisporre:
  • Modulo dati Richiedente/Beneficiario in allegato (solo se l'istanza NON è presentata Online)
  • Ricevuta di pagamento degli oneri istruttori
  • Ricevuta di pagamento diritti di bollo tramite F23, F24 o scansione
Per la richiesta di autorizzazione allo svolgimento dell'attività:
  • Modulo istanza compilato
  • fotocopia documento d'identità';
  • Attestazione di capacità finanziaria di cui al Decreto 6 aprile 1995, n. 170;
  • documentazione inerente l'Ispettore/Responsabile Tecnico (idoneità professionale e rapporto esistente con l'officina).
  • L'elenco delle attrezzature per lo svolgimento delle operazioni di revisione
  • Piantina locali con dimensioni e illustrazione del posizionamento della strumentazione tecnica
  • Titolo di disponibilità dei locali ove necessario;
  • Copia dei libretti metrologici;
  • Documentazione attestante l'idoneità dei locali e dell'attività in essere alla normativa;
  • Altra documentazione
Per le variazioni ad officine già autorizzate, la documentazione da presentare sarà quella inerente il tipo di variazione cui è soggetta l'attività.
  • Modulo istanza compilato
Presso Città Metropolitana vanno inoltre presentate le domande di inserimento/dismissioni degli Ispettori/Responsabili tecnici.
Specifiche tecniche - Allegati
Pratico - Modulo Informazioni Anagrafiche.pdf (file .pdf - dimensione 262,3 KB)
Modulo inserimento ispettore_responsabile tecnico.docx (file .docx - dimensione 49,5 KB)
Modulo inserimento ispettore_responsabile tecnico.pdf (file .pdf - dimensione 598,4 KB)
Modulo istanza officine di revisione.doc (file .doc - dimensione 739 KB)
Modulo istanza officine di revisione.pdf (file .pdf - dimensione 957,9 KB)
Informazioni
La domanda può essere presentata
  • On line, selezionando nel box ad inizio pagina la modalità di presentazione:
    • "Nuova autorizzazione": richiedo una nuova autorizzazione
    • "Immatricolazione aggiuntiva": richiedo una variazione di officina già autorizzata
  • via pec all'indirizzo presente nel pie' di pagina di questo portale
  • all'ufficio archivio/protocollo della Città metropolitana di Genova Piazzale Mazzini 2, 16122 Genova
Tempistica
120 giorni
Fonte normativa
L.241/90 art. 17 essendo attività assoggettata a parere tecnico emesso da parte degli uffici territoriali della MCTC.
Potere sostitutivo
Tempo complessivo (120+60) esclusi i tempi necessari per procedere alla verifica dei requisiti di idoneità morale
Descrizione tempistica
La procedura per il rilascio dell'autorizzazione viene effettuata nei termini dei 120gg di cui alla 241/90, art. 17 essendo attività assoggettata a parere tecnico emesso da parte degli uffici territoriali della MCTC.
Costi
I contributi per le spese di istruttoria (approvato con D.G.P. n. 183 prot. 143284 del 06.12.2011) sono:
  • Euro 70,00 per la richiesta di nuova autorizzazione
  • Euro 35,00 per le richieste di variazione
I pagamenti devono essere effettuati tramite il sistema PagoPA di Città Metropolitana di Genova
Modalità Avvio
Il procedimento viene avviato solo in presenza di documentazione completa nelle sue parti essenziali come specificato nella sezione "Documenti da allegare"
Orario di ricevimento
Servizio Amministrazione Territorio e Trasporti - Ufficio Trasporti.
Temporaneamente su appuntamento in base alle disposizioni sulle misure di contenimento dell'epidemia di COVID19.
L.go Francesco Cattanei, 3 (GE) Mar - Gio dalle 9:00 - 12:30 e 14:30 - 16:00 Lun e Ven dalle 9:00 - 12:30
Contatti
Per avere informazioni in merito al procedimento è possibile contattare:
Direzione
Direzione Territorio e mobilità
Servizio
Servizio Amministrazione territorio e trasporti
Dirigente
CUTTICA MAURO
Ufficio
Ufficio Autorizzazioni e concessioni
Responsabile ufficio
BLASI MARIA FELICITA
Protezione dati personali
Compilando la modulistica presente in questa pagina, Lei fornisce alla Città metropolitana di Genova alcuni Suoi dati personali, i quali saranno trattati per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

Le ricordiamo che le istanze e le dichiarazioni presentate per via telematica, ove l'istante o il dichiarante sia identificato attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), hanno la stessa validità ed efficacia di quelle presentate in forma cartacea o tradizionale (articolo 65 del Codice dell'Amministrazione Digitale).

Nei casi previsti dalla legge, i dati personali acquisiti nel contesto del procedimento amministrativo saranno comunicati ad altri soggetti pubblici o privati o saranno diffusi mediante pubblicazione. Parimenti la Città metropolitana di Genova potrà ricevere da altri soggetti, pubblici o privati, la comunicazione di dati personali che La riguardano, nei limiti in cui ciò sia necessario per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

La conservazione dei dati personali, comunque raccolti, avverrà nel rispetto della normativa in tema di documentazione amministrativa.

Maggiori e dettagliate informazioni possono essere reperite sul sito web istituzionale, alla pagina: Privacy PRATICO

Pagina Precedente

Menù principale

I Procedimenti

Ricerca per Tipologia