Passa al contenuto principale
Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.)
A cosa serve
L'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è il provvedimento che autorizza l'esercizio di una installazione (o di parte di essa) compresa in specifiche categorie produttive indicate nell'Allegato VIII alla Parte II del D. Lgs. 152/2006.
Essa sostituisce i titoli autorizzativi ambientali di settore e le comunicazioni necessarie per l'esercizio degli impianti, tra cui:
  • Autorizzazione alle emissioni in atmosfera (titolo I della parte quinta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152);
  • Autorizzazione allo scarico di reflui (capo II del titolo IV della parte terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152);
  • Autorizzazione unica per smaltimento e recupero di rifiuti (art. 208 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152);
  • Autorizzazione allo smaltimento di apparecchi contenenti PCB-PCT (decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 209, art. 7);
  • Autorizzazione all'uso di fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura (decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 99, art. 9);
  • Comunicazione di inizio attività di recupero rifiuti (art. 216 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152)
L'iter procedurale si basa sull'istituto della Conferenza dei servizi, cui sono chiamati a partecipare tutti gli enti che hanno competenza a rilasciare le autorizzazioni e i pareri ambientali necessari alla realizzazione e alla gestione dell'impianto.
La procedura si articola come segue:
  • Fase 1: valutazione della procedibilità dell'istanza;
  • Fase 2: avvio del procedimento e convocazione della Conferenza dei servizi;
  • Fase 3: lavori della Conferenza dei servizi;
  • Fase 4: decisione conclusiva;
  • Fase 5: emanazione atto dirigenziale di Autorizzazione integrata ambientale.
Chi può avanzare la richiesta
L'istanza di Autorizzazione Integrata Ambientale deve essere presentata dal Gestore, ossia la persona fisica o giuridica che detiene o gestisce l'istallazione oppure che dispone di un potere economico determinante sull'esercizio tecnico dell'istallazione stessa (art. 5, comma 1, lett. r-bis del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.).

Le tipologie di impianti soggetti a tale disciplina sono indicate all'Allegato VIII alla Parte Seconda del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.; tale elenco include attività energetiche, di produzione e trasformazione dei metalli, dell'industria dei prodotti minerali, dell'industria chimica, attività di gestione rifiuti, concia delle pelli, attività dell'industria della carta, del legno e altro.
Leggi
Specifiche tecniche
I proponenti devono predisporre:
  • Modulo dati anagrafici Richiedente/Beneficiario in allegato (solo se l'istanza NON è presentata Online)
  • Domanda AIA allegata, debitamente compilata
  • Versamento oneri istruttori tramite PagoPA di Città Metropolitana di Genova
  • Assolvimento diritti di bollo
Ai fini del rilascio dell'autorizzazione, l'istanza dovrà essere corredata dalla seguente documentazione:
  • descrizione dell'installazione e delle sue attività, specificandone tipo e portata;
  • descrizione delle materie prime e ausiliarie, delle sostanze e dell'energia usate o prodotte dall'installazione;
  • descrizione delle fonti di emissione dell'installazione;
  • descrizione dello stato del sito di ubicazione dell'installazione;
  • descrizione del tipo e dell'entità delle prevedibili emissioni dell'installazione in ogni comparto ambientale nonché n'identificazione degli effetti significativi delle emissioni sull'ambiente;
  • descrizione della tecnologia e delle altre tecniche di cui si prevede l'uso per prevenire le emissioni dall'installazione oppure, qualora ciò non fosse possibile, per ridurle;
  • descrizione delle misure di prevenzione, di preparazione per il riutilizzo, di riciclaggio e di recupero dei rifiuti prodotti dall'installazione;
  • descrizione delle misure previste per controllare le emissioni nell'ambiente nonché le attività di autocontrollo e di controllo programmato che richiedono l'intervento dell'ente responsabile degli accertamenti di cui all'articolo 29-decies, comma 3, del D.Lgs. n. 152/06;
  • descrizione delle principali alternative alla tecnologia, alle tecniche e alle misure proposte, prese in esame dal gestore in forma sommaria;
  • descrizione delle altre misure previste per ottemperare ai principi di cui all'articolo 6, comma 16, del D.Lgs. n. 152/06;
  • se l'attività comporta l'utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose e, tenuto conto della possibilità di contaminazione del suolo e delle acque sotterrane nel sito dell'installazione, una relazione di riferimento elaborata dal gestore prima della messa in esercizio dell'installazione o prima del primo aggiornamento dell'autorizzazione rilasciata, per la quale l'istanza costituisce richiesta di validazione. L'autorità competente esamina la relazione disponendo nell'autorizzazione o nell'atto di aggiornamento, ove ritenuto necessario ai fini della sua validazione, ulteriori e specifici approfondimenti;
  • ricevuta di pagamento degli oneri istruttori;
  • ricevuta di pagamento diritti di bollo tranite F23, F24 o scansione
In particolare dovranno essere rese tutte le informazioni previste dalle modulistica adottata da Regione Liguria con D.G.R. 3 novembre 2015, n. 1213.
L'autorità competente esamina la relazione disponendo nell'autorizzazione o nell'atto di aggiornamento, ove ritenuto necessario ai fini della sua validazione, ulteriori e specifici approfondimenti;
Specifiche tecniche - Allegati
Pratico - Modulo Informazioni Anagrafiche.pdf (file .pdf - dimensione 262,3 KB)
Domanda_AIA.docx (file .docx - dimensione 22,7 KB)
Domanda_AIA.pdf (file .pdf - dimensione 148,6 KB)
Informazioni
La domanda può essere presentata
  • On line
  • Via PEC all'indirizzo presente nel pie' di pagina di questo portale
  • All'ufficio archivio/protocollo della Città metropolitana di Genova Piazzale Mazzini 2, 16122 Genova
Tempistica
Il procedimento si deve concludere entro 150 giorni dalla data di ricevimento della domanda completa (o dalla data di regolarizzazione dell'istanza se inizialmente incompleta), fatta salva la necessità di acquisire integrazioni alla documentazione presentata ; nei casi in cui un progetto sia soggetto a valutazione di impatto ambientale (VIA) di competenza regionale l'AIA viene acquisita nell'ambito della conferenza dei servizi convocata in modalità sincrona ai fini del rilascio del provvedimento autorizzatorio unico regionale di cui all'art. 27bis del D.lgs. 152/06.
Fonte normativa
Artt. 29-ter e 29-quater D.lgs. 152/06
D.M. 58/2017
Potere sostitutivo
Ai sensi della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri 9.01.2014, il titolare del potere sostitutivo è individuato nel Direttore Generale della Città Metropolitana di Genova. Il titolare del potere sostitutivo è tenuto a concludere il procedimento entro il termine di settantacinque giorni dall'attivazione del potere sostitutivo medesimo.
Descrizione tempistica
La durata del procedimento è fissata dalla norma in 150 giorni. Nel calcolo vanno sottratti i tempi concessi ed utilizzati dal richiedente per fornire le eventuali integrazioni richieste ai sensi dell'art. 29-ter del D.Lgs. 152/06 (interruzione dei termini) e dagli enti nella conferenza dei servizi (sospensione dei termini ai sensi dell'art. 29-quater del D.Lgs. 152/06)
Costi
Il procedimento di Autorizzazione Unica prevede un onere istruttorio a carico del richiedente, gli importi sono definiti con la D.G.R. 953 del 15 novembre 2019.
I pagamenti vanno effettuati tramite il sistema Pago PA di Citta Metropolitana di Genova
DGR 953 15112019 TARIFFE AIA.pdf (file .pdf - dimensione 685 KB)
Modalità Avvio
In assenza di quietanza dell'avvenuto pagamento ovvero una corrispondente attestazione nel caso di pagamenti effettuati per via telematica, dell'importo tariffario dovuto ai sensi dell'art. 5 comma 1 del DM 58/2017, secondo i criteri indicati con DGR n. 953/2019 l'istanza risulta irricevibile e non si può provvedere alll'avvio del relativo procedimento.
Come previsto dagli Artt. 29-ter e 29-quater del D. Lgs. 152/2006:
  • entro 30 giorni dalla ricezione dell'istanza completa delle spese istruttorie Città Metropolitana provvede a comunicare l'avvio del procedimento
  • entro lo stesso termine di 30 giorni dalla ricezione dell'istanza, ne viene verificata la completezza, dell'eventuale incompletezza viene data comunicazione al Proponente fornendo un termine non inferiore a 30 giorni per completare la documentazione. In tal caso i termini del procedimento si sono interrotti fino alla presentazione della documentazione mancante.
Orario di ricevimento
Previo appuntamento presso:
Città Metropolitana di Genova - Direzione Ambiente - Largo Cattanei 3 16147 GENOVA
Contatti
Gli uffici ricevono previo appuntamento e-mail:
Protezione dati personali
Compilando la modulistica presente in questa pagina, Lei fornisce alla Città metropolitana di Genova alcuni Suoi dati personali, i quali saranno trattati per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

Le ricordiamo che le istanze e le dichiarazioni presentate per via telematica, ove l'istante o il dichiarante sia identificato attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), hanno la stessa validità ed efficacia di quelle presentate in forma cartacea o tradizionale (articolo 65 del Codice dell'Amministrazione Digitale).

Nei casi previsti dalla legge, i dati personali acquisiti nel contesto del procedimento amministrativo saranno comunicati ad altri soggetti pubblici o privati o saranno diffusi mediante pubblicazione. Parimenti la Città metropolitana di Genova potrà ricevere da altri soggetti, pubblici o privati, la comunicazione di dati personali che La riguardano, nei limiti in cui ciò sia necessario per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

La conservazione dei dati personali, comunque raccolti, avverrà nel rispetto della normativa in tema di documentazione amministrativa.

Maggiori e dettagliate informazioni possono essere reperite sul sito web istituzionale, alla pagina: Privacy PRATICO

Pagina Precedente

Menù principale

I Procedimenti

Ricerca per Tipologia