Passa al contenuto principale
Approvazione Piano di prevenzione e gestione delle acque meteoriche di dilavamento e di lavaggio di cui all'art.4 del Regolamento regionale 4/2009 senza scarico
A cosa serve
Per gestire acque meteoriche di dilavamento delle aree esterne di insediamenti ed installazioni di cui all'art.7 del R.R. 4/2009, senza attivazione di uno scarico in corpo idrico superficiale o in rete fognaria.
Per acque meteoriche di dilavamento si intende la parte delle acque di una precipitazione atmosferica che, non assorbita o evaporata, dilava le superfici scolanti.
Per acque di prima pioggia si intendono invece quelle che, cadendo durante la fase iniziale di un evento meteorico presentano spesso cariche di inquinanti di varia natura ed origine dilavati dalla superficie delle aree scoperte.
Con il Regolamento Regionale 4/2009 recante la disciplina delle acque meteoriche di dilavamento e delle acque di lavaggio di aree esterne, sono state disciplinate le acque sopra illustrate.
Tale disciplina prevede l'adozione di un apposito Piano di prevenzione e di gestione redatto, in conformità ai contenuti ed alle linee guida di cui all'Allegato A del suddetto Regolamento, sulla base delle peculiarità dei luoghi e delle caratteristiche delle superfici scolanti interessate dal dilavamento meteorico o dalle operazioni di lavaggio.
All'approvazione del PPG sono soggette le attività disciplinate dall'art. 7 del Regolamento regionale 4/2009 in cui l'immissione delle acque meteoriche di prima pioggia e di lavaggio recapiti in acque superficiali e in pubblica fognatura:
Il procedimento è relativo all'approvazione di un PPG che non prevede scarico in corpo idrico superficiale o in rete fognaria. In caso il PPG preveda lo scarico in corpo idrico superficiale o in rete fognaria si veda il procedimento relativo. I PPG che prevedono che le acque di prima pioggia o di dilavamento siano scaricate in corpo idrico superficiale o in rete fognaria sono approvati nell'ambito delle relative autorizzazioni allo scarico alla descrizione del procedimenti delle quali si rimanda.
Chi può avanzare la richiesta
I titolari o legali rappresentanti delle attività economiche che abbiano un'attività che rientra negli insediamenti ed installazioni di cui all'art.7 del R.R. 4/2009.
Leggi
Specifiche tecniche
L'istanza deve essere accompagnata da:
  • Modulo dati anagrafici Richiedente/Beneficiario in allegato (solo se l'istanza NON è presentata Online)
  • Relazione tecnica che descriva:
    • le fasi del ciclo produttivo e complementari allo svolgimento dell'attività, l'elenco delle principali materie prime e sostanze utilizzate;
    • Nel caso di assoggettamento al R.R. 4/2009:
      • la descrizione delle attività svolte nelle aree esterne esposte al dilavamento meteorico e dell'eventuale presenza di stoccaggi di sostanza/materie prime e rifiuti e relative zone di carico/scarico o movimentazione;
      • la descrizione delle procedure di emergenza e gestionali atte a rispondere a potenziali sversamenti nelle aree esterne come previsto nell'All. A del R.R. 4/2009.
  • Documentazione cartografica e planimetrica che contenga:
    • Estratto di CTR o Aerofotogrammetrica con evidenziata l'area dell'insediamento oggetto dell'istanza;
    • Estratto della carta catastale con indicazione dei confini di pertinenza dell'insediamento rispetto ai mappali;
    • Elaborato planimetrico in scala idonea con indicato: l'orientamento, i confini di proprietà, i settori dell'attività, le aree di movimentazione, carico/scarico, stoccaggio materie prime e/o rifiuti, le aree permeabili e impermeabili (con retinature diverse).
  • Schede di sicurezza delle materie prime.
  • Ricevuta di pagamento degli oneri istruttori.
  • Ricevuta di pagamento diritti di bollo tramite F23, F24 o scansione
  • Copia del documento d'identità del titolare/gestore.
  • Procura per la sottoscrizione digitale e la presentazione dell'istanza con copia del documento di identità del procuratore speciale.
  • Autocertificazioni antimafia di tutti i soggetti interessati ai sensi del D.Lgs. 159/2011.
Specifiche tecniche - Allegati
Pratico - Modulo Informazioni Anagrafiche.pdf (file .pdf - dimensione 262,3 KB)
Modulo istanza di PPG.docx (file .docx - dimensione 41 KB)
Modulo istanza di PPG.pdf (file .pdf - dimensione 360,8 KB)
Modulo istanza di VOLTURA.docx (file .docx - dimensione 30,6 KB)
Modulo istanza di VOLTURA.pdf (file .pdf - dimensione 229,8 KB)
Informazioni
La domanda puo essere presentata
  • Online
  • via PEC all'indirizzo presente nel piè di pagina di questo portale
  • all'ufficio archivio/protocollo della Città metropolitana di Genova Piazzale Mazzini 2, 16122 Genova
Tempistica
L'approvazione del PPG, ai sensi del R.R. 4/2009, deve essere preventiva, ciò significa che la stessa deve essere rilasciata prima dell'inizio dell'attività.
I tempi del procedimento di rilascio dell'atto di approvazione del PPG, in analogia alla disciplina degli scarichi, sono fissati in 90 giorni.
L'atto di approvazione del PPG ha una durata illimitata nel tempo, fermo restando il principio generale, desumibile per analogia dalla disciplina degli scarichi, che in caso di trasferimento/modifica dell'attività debba essere presentata istanza di modifica per aggiornare le conseguenti previsioni del Piano.
Fonte normativaPotere sostitutivo
Ai sensi della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri 9.01.2014, il titolare del potere sostitutivo, in caso di mancato rispetto dei termini procedimentali, è individuato a norma dell'art 2 comma 9 bis L. 241/1990 ss. mm. ii. nel Direttore Generale della Città Metropolitana di Genova.
Descrizione tempistica
I tempi del procedimento di rilascio dell'atto di approvazione del PPG, in analogia alla disciplina degli scarichi, sono fissati in 90 giorni, anche in considerazione che la mancata presentazione del PPG o l'inosservanza delle prescrizioni del medesimo è punita con la sanzione prevista all'articolo 137, comma 9 del D. Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. prevista per mancanza di autorizzazione allo scarico.
Costi
Il contributo per le spese di istruttoria (approvato con Deliberazione della Giunta Provinciale di Genova n. 183 prot. 143284 del 06.12.2011) per l'approvazione del PPG è pari a:
  • Euro 180,00 nel caso in cui non siano previsti scarichi.
I pagamenti vanno effettuati tramite il sistema PagoPA di Città Metropolitana di Genova
Modalità Avvio
Il procedimento viene avviato solo in presenza di documentazione completa nelle sue parti essenziali come specificato nella sezione "Documenti da allegare". In caso contrario la domanda viene dichiarata improcedibile.
Orario di ricevimento
Previo appuntamento (da concordare via mail) presso:
Città Metropolitana di Genova - Direzione Ambiente - Ufficio Rifiuti scarichi e bonifiche - Largo Cattanei 3 16147 GENOVA
Contatti
L'Ufficio Rifiuti scarichi e bonifiche riceve previo appuntamento
tel. 010 5499 843 - 879 - 815
ufficio.scarichi@cittametropolitana.genova.it
Direzione
Direzione Ambiente
Servizio
Servizio Tutela ambientale
Dirigente
BRUZZONE MAURO
Ufficio
Ufficio Rifiuti scarichi e bonifiche
Responsabile ufficio
TESTINI GIOVANNI
Protezione dati personali
Compilando la modulistica presente in questa pagina, Lei fornisce alla Città metropolitana di Genova alcuni Suoi dati personali, i quali saranno trattati per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

Le ricordiamo che le istanze e le dichiarazioni presentate per via telematica, ove l'istante o il dichiarante sia identificato attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), hanno la stessa validità ed efficacia di quelle presentate in forma cartacea o tradizionale (articolo 65 del Codice dell'Amministrazione Digitale).

Nei casi previsti dalla legge, i dati personali acquisiti nel contesto del procedimento amministrativo saranno comunicati ad altri soggetti pubblici o privati o saranno diffusi mediante pubblicazione. Parimenti la Città metropolitana di Genova potrà ricevere da altri soggetti, pubblici o privati, la comunicazione di dati personali che La riguardano, nei limiti in cui ciò sia necessario per l'istruzione del procedimento e l'adozione del provvedimento conclusivo.

La conservazione dei dati personali, comunque raccolti, avverrà nel rispetto della normativa in tema di documentazione amministrativa.

Maggiori e dettagliate informazioni possono essere reperite sul sito web istituzionale, alla pagina: Privacy PRATICO

Pagina Precedente

Menù principale

I Procedimenti

Ricerca per Tipologia